L'ingresso porta alla sala, un tempo la "camera buona" della famiglia, dove un grande cristallo, fissato alla parete di fronte alla porta, propone la riproduzione anastatica della lettera che Gramsci scrisse il 10 maggio 1928 a sua madre in cui ricorda di essere un detenuto politico, di scontare la pena per non aver voluto mutare le sue opinioni, di non aver nulla di cui vergognarsi e, con parole di alta poesia, esprime il suo rammarico per averle dato un dolore così grande:

"Vorrei proprio abbracciarti stretta stretta perché sentissi quanto ti voglio bene e come vorrei consolarti di questo dispiacere che ti ho dato: ma non potevo fare diversamente. La vita è così, molto dura e i figli qualche volta devono dare dei grandi dispiaceri alle loro mamme, se vogliono conservare il loro onore e la loro dignità di uomini."

In un angolo vi è una donazione: una scultura di Georges de Canino: quella straordinaria forza della ragione/ ritratto mentale di Antonio Gramsci. Alcune raccolte di Rinascita sarda , risalenti agli anni Sessanta e una raccolta di Ordine Nuovo degli anni 1919-20, 1924-25, hanno posto su due tavoli, che riprendono la tipologia dei tipici tavoli sardi.

piano terra sala 01
piano terra sala 02
piantina sala

Orari di apertura

Dal mese di Ottobre il museo aprirà solo il sabato e la domenica, dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 19:00.

 

Orario estivo: Il museo apre dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 19:00.

Chiuso il martedì.

 

Contatore visite

Le persone che hanno visitato il sito ad oggi
Yesterday
This Week
Last Week
This Month
Last Month
Total Visitor
115
198
525
1716
4840
7317
267221


Questo sito utilizza i cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.